Anestesia Web
  Anestesia  
  Rianimazione  
  Terapia del Dolore  
  Ambulatorio  
  Day Hospital  
  Sicurezza  
  Ernia del disco  
  Il mal di schiena  
  Equipe  
  Ultim'ora  
  Prericovero  
  FAQ  
  Home  



L'anestesia generale per gli interventi addominali in genere, ma spesso anche per altri tipi, richiede la paralisi muscolare per agevolare il lavoro del chirurgo e per un controllo più efficace della respirazione.

Ciò viene ottenuto mediante l'utilizzo di curari, farmaci che impediscono all'acetilcolina, il mediatore chimico preposto alla trasmissione neuromuscolare, di attivare la contrazione muscolare, e quindi di ottenere la paralisi muscolare che, si badi bene, non ha alcuna influenza sull'attività contrattile del cuore.

A partenza da sostanze di origine vegetale, quelle usate dagli indios amazzonici per intenderci, si è arrivati alla sintesi di tutta una serie di curari sempre più sicuri e con ridotti effetti collaterali.

Avere sotto controllo la situazione neuromuscolare del paziente è pertanto un importante requisito di accuratezza, per il preciso dosaggio dei farmaci, e di sicurezza: un movimento inopportuno e improvviso del paziente può essere dannoso. Questo strumento permette anche di risvegliare il paziente solo quando la funzione neuromuscolare è completamente ristabilita, abolendo quella sgradevole sensazione di fame d'aria che potrebbe insorgere quando l'attività muscolare non è completamente recuperata.

Tra i vari strumenti che permettono il monitoraggio dell'attività neuromuscolare sicuramente gli elettrostimolatori sono tra i più maneggevoli e pratici e vengono comunemente utilizzati nella pratica clinica.

Essi si basano sul principio della contrazione muscolare determinata da uno stimolo elettrico: vengono posizionati due comuni elettrodi per il monitoraggio ECG lungo il decorso di un nervo periferico, usualmente l'ulnare, e ogni 15 secondi viene applicato un treno di 4 impulsi (da cui il nome TOF: train of four).

Non potendo misurare direttamente la forza contrattile, funzione diretta della contrattilità, in ragione della macchinosità della rilevazione, si rileva l'accelerazione mediante un accelerometro: in accordo con la seconda legge di Newton (la forza F è uguale alla massa M per il tempo di accelerazione a), l'accelerazione di un muscolo ha una correlazione lineare con la sua forza contrattile. Nella configurazione più frequente, quella ulnare, l'accelerometro viene posizionato sul pollice a rilevare la contrazione del muscolo adduttore del pollice.

La misurazione del TOF, assieme all'ECG, alla saturimetria, alla capnometria, alla misurazione della pressione arteriosa e della concentrazione dei gas in ed espirati e ai parametri respiratori, rappresenta lo standard di monitoraggio per ogni anestesia generale.