Anestesia Web
  Anestesia  
  Rianimazione  
  Terapia del Dolore  
  Ambulatorio  
  Day Hospital  
  Sicurezza  
  Ernia del disco  
  Il mal di schiena  
  Equipe  
  Ultim'ora  
  Prericovero  
  Ozonoterapia  
  FAQ  
  Home  





E’ una sindrome algica caratterizzata da dolore tessutale profondo, dovuto sia alla patologia degenerativa delle articolazioni interapofisiarie posteriori (becchi osteofitici, flogosi cronica con degenerazione cartilaginea e conseguente deformazione delle superfici articolari), come tipicamente avviene nelle forme artrosiche, sia alla presenza di un quadro di instabilità segmentale con conseguenti anomalie di impianto e/o di orientamento delle superfici articolari zigoapofisarie ( iperlordosi lombare, diminuzione dello spazio intersomatico, scoliosi, spondilolistesi, lesioni discali ecc.).

Come si manifesta?
Generalmente è presente un dolore sordo, profondo, spesso descritto come un peso, ad andamento continuo e localizzato in sede lombare (mal di schiena o low back pain), sopra le articolazioni zigoapofisarie, con possibili irradiazioni alla cresta iliaca, all’inguine, alla parte prossimale della coscia e alla natica.

Il dolore presenta una evidente componente incident, con esacerbazioni provocate dai movimenti di estensione e di inclinazione del tronco verso il lato affetto, dall’ortostatismo e dalla prolungata posizione seduta; viene invece alleviato dalla flessione del rachide. L’esame obiettivo è caratterizzato da rigidità del tronco, iperalgesia alla digitopressione della zona paravertebrale ( sopra le faccette articolari) e, soprattutto, dall’assenza di segni neurologici.

Come si diagnostica?
Una accurata anamnesi, supportata da un esame obiettivo e corredata da una valutazione radiologica che il medico antalgologo vi prescriverà, è sufficiente, in genere, a porre una corretta diagnosi. In sintesi:

 Dolore lombare sordo e continuo
 Irradiazione alla cresta iliaca, natica e inguine
 Dolore alla compressione delle faccette
 Esacerbazione all’estensione e rotazione omolaterale
 Sollievo alla flessione
 Nessun segno neurologico radicolare

Come si cura?
Come tutti i dolori cronici relativi all’apparato scheletrico, anche la sindrome delle faccette articolari beneficia della terapia fisica e della ginnastica riabilitativa, che è l’unica ad essere incisiva, a lungo termine, sui problemi di postura.

In situazioni refrattarie alla terapia fisica, o per sbloccare una fase critica è necessario, in alcuni casi, ricorrere al blocco delle faccette articolari.

Tecnica di esecuzione del blocco delle faccette
· In Rxscopia si esegue la centratura delle faccette articolari da trattare in proiezione antero-posteriore ed obliqua. In genere una inclinazione di circa 20-25° evidenzia bene le faccette (orecchio della caratteristica immagine della testa di cagnolino, detta "scottie dog" )

· Previo consenso informato, in anestesia locale, si introduce un ago da 22G, circa 1 cm caudalmente e lateralmente rispetto alla proiezione cutanea delle faccette

· Confermato il posizionamento della punta dell’ago nella rima articolare mediante l'iniezione di mezzo di contrasto (artrografia ) si iniettano 20 mg di Triamcinolone e 1,5-2 ml di ropivacaina o levobupivacaina (anestetici locali) per ogni faccetta trattata

E’ consigliabile trattare almeno 2 faccette per lato contemporaneamente.


A cura di P. Comassi e A. Dossena