Anestesia Web
  Anestesia  
  Rianimazione  
  Terapia del Dolore  
  Ambulatorio  
  Day Hospital  
  Sicurezza  
  Ernia del disco  
  Il mal di schiena  
  Equipe  
  Ultim'ora  
  Prericovero  
  FAQ  
  Home  





Con questa metodica ci si propone la lisi, anche parziale, delle aderenze cicatriziali che intervengono, in genere, dopo un intervento chirurgico di discectomia. Queste, stirando o comprimendo la radice nervosa, sostengono il dolore radicolare: ciò può avvenire anche a distanza di molto tempo dall’intervento, per le modificazioni che la colonna può subire negli anni.


Indicazioni
FBSS: dolore neuropatico da stiramento, compressione di radici nervose per esiti cicatriziali di interventi sul rachide .
Fibrosi secondarie a stati infiammatori o da proteoglicani.

La diagnosi viene generalmente posta quando i dati clinici corrispondono, come distribuzione dermatomerica, ai dati radiologici (TAC e RMN) ed elettromiografici.


Metodica
Si ottiene consenso informato.

Si posiziona il paziente in posizione prona (a pancia in giù) in sala radiologica idonea.

Dopo la centratura del tubo radiogeno e la memorizzazione delle due posizioni di lavoro (antero-posteriore e laterale) si prepara opportuno campo sterile.

L’accesso allo spazio peridurale sacrale, previa anestesia locale con lidocaina 2% e ago sottile, avviene attraverso lo jatus sacralis (il punto di passaggio tra la quinta vertebra sacrale e la prima coccigea) con la tecnica del mandrino liquido (perdita di resistenza all’ingresso dello spazio peridurale) con ago di Tuohy, come per l’infiltrazione peridurale.
Si introduce, sotto controllo scopico e con l’aiuto di mezzo di contrasto (Iopamiro 300 ), il catetere di Racz fino a raggiungere la zona interessata dal processo cicatriziale, individuata dalla mancata progressione del mezzo di contrasto (peridurografia).
Previa anestesia locale con bupivacaina 0,25%, si immette soluzione fisiologica ipertonica al 10 %, seguita a breve distanza da ialuronidasi 900 UI secondo il tipo di lesione cicatriziale.

A completamento, prima di rimuovere il catetere, si iniettano 40 mg di triamcinolone e ropivacaina 0,2% 5 ml.

Tranne situazioni particolari, non è, di norma, prevista profilassi antibatterica.

Permanenza in day hospital per qualche ora onde verificare l’assenza di effetti collaterali e i segni clinici del blocco correttamente eseguito.

La metodica, semplice e poco invasiva, è in genere in grado di dare dei buoni risultati, anche in considerazione dell'estrema selettività; nel caso caso i risultati non siano soddisfacenti, il nostro algoritmo di trattamento prevede il ricorso al posizionamento di un neurostimolatore midollare (SCS).


A cura di A. Dossena