Anestesia Web
  Anestesia  
  Rianimazione  
  Terapia del Dolore  
  Ambulatorio  
  Day Hospital  
  Sicurezza  
  Ernia del disco  
  Il mal di schiena  
  Equipe  
  Ultim'ora  
  Prericovero  
  FAQ  
  Home  



La sicurezza in anestesia dipende anche dalla possibilità di controllo dei parametri del paziente: fino a non molto tempo fa i controlli intraoperatori erano incentrati soprattutto sugli aspetti cardiovascolari (pressione arteriosa, ECG, frequenza cardiaca, ossigenazione) e respiratori. Sono sempre esistiti sistemi di controllo delle funzioni cerebrali, come ad esempio l'elettroencefalogramma, ma la loro complessità mal si sposa con la routine quotidiana e sono quindi riservati a specifiche situazioni, come le anestesie per le tromboendoarteriectomie (TEA) carotidee.

La sempre maggiore attenzione al benessere del paziente in sala operatoria ha accresciuto la necessità di monitoraggi sempre più efficaci e rivolti anche ad altri aspetti, come ad esempio il controllo dello stato di coscienza, per prevenire ad esempio spiacevoli episodi di awareness, il cosiddetto risveglio intraoperatorio, o al contrario per prevenire un'eccessiva sedazione. Non che in passato non vi fosse un'attenzione a questi problemi, che anzi vengono normalmente valutati in maniera indiretta, solo che oggi è possibile monitorizzarli direttamente con il BIS.

L’indice BIS è un valore numerico direttamente riferibile al livello di sedazione e coscienza del paziente. Mediante l’applicazione di un complesso algoritmo ad una derivazione elettroencefalografia semplificata ottenuta con un particolare elettrodo monouso, è in grado di monitorare in continuo lo stato ipnotico.

E’ possibile, interpolando i dati del BIS con i comuni parametri, anche discernere l’aspetto ipnotico da quello analgesico, ed intervenire selettivamente sulle singole componenti dell’anestesia, con maggior sicurezza, più precisione e minor uso di farmaci.
In uno studio multicentrico si è potuto dimostrare un risparmio di farmaci e un risveglio più pronto.